Come si può finire nella prigione di Pinterest (e uscirne)!

Posted on luglio 19, 2012 di

2



Uno dei principali problemi di Pinterest è lo spam che rischia di inondare le bacheche degli utenti, proprio per questo sono state adottate una serie di misure per arginare il problema.

Vediamo quali sono in modo da evitare di essere segnalati come spammatori:pinterest spam

  • Affiliate Link, cioè link che collegano ad un prodotto, tracciano il traffico e conferiscono una percentuale a chi lo ha promosso iscrivendosi al programma di affiliazione (vd. Amazon)
  • URL accorciate come bit.ly in modo tale che gli utenti sappiano sempre qual è la fonte dei pin
  • Informazioni aggiunte alla fine dei link per calcolare il click-through

Ancora, si può finire nella prigione di Pinterest e il proprio account può essere bloccato in questi casi:

  • Si commentano molti pin, specialmente se contengono link, molto velocemente
  • Si posta lo stesso commento molte volte, specialmente se contiene un link
  • Si seguono troppi utenti in un lasso di tempo troppo breve
  • Si pinnano/repinnano/mettono like troppo velocemente, in particolare se i pin riportano alla stessa fonte.

Nel caso in cui finiate in cella, basta inviare una segnalazione tramite la pagina di supporto di Pinterest e selezionare Others:

supporto spam pinterest

Pinterest sottolinea che queste non sono misure frutto di una visione a lungo termine. È evidente che la piattaforma non vuole posizionarsi come una vetrina per promuovere solo prodotti (vd. il caso Uniqlo): se infatti Pinterest fosse ridotta ad una mera vetrina, perderebbe tutto il suo fascino.
Personalmente sono d’accordo con questa visione, però mi (e ti) domando: non sarebbe arrivata l’ora di individuare  un business model?

Paola Sangiovanni

Follow Me on Pinterest

Annunci
Posted in: Pinterest, Tutorial